Pronto?

Il telefono suonava insistentemente e la musichetta che ripeteva all’infinito mi innervosiva, perché disturbava il piacevole picchiettio della pioggia sul tetto.
Erano le otto di sabato mattina, mi stavo godendo il calduccio del letto e non avevo nessuna intenzione di rispondere. Ma il suono fastidioso non mi abbandonava e mi rassegnai…

Avevo trascorso una notte agitatissima.
Tanti piccoli sogni popolati di visi sfuocati e ambientazioni grottesche di cui non ricordavo che frammenti. E’ incredibile come la mente elabori miscelando nel modo più disordinato possibile tutti i pensieri che le sono pervenuti durante il giorno.
Il risveglio mi aveva lasciato addosso una spossatezza infinita come se, anziché dormire, non avessi fatto che correre di qua e di là senza una meta precisa.

Mi alzai di malavoglia.
– Pronto?
– Patrizia, amore, sono io. Scusa se ti ho svegliato a quest’ora, ma ho una notizia meravigliosa!
– Guardi che qui non abita nessuna Patrizia.
– Oddio, mi scusi, mi scusi tanto, ho sbagliato numero.
– Niente, si figuri…

Rimisi il cordless al suo posto e tornai sotto le coperte, senza riuscire più a dormire.
Ripensavo a Patrizia e alla notizia meravigliosa che stava per ricevere.
Che rabbia! Io ricevevo quasi sempre telefonate cariche di problemi; forse avrei potuto fingere di essere lei… magari solo per qualche secondo.

Annunci

2 pensieri su “Pronto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...