Ci sei

Quel giorno ricordo di essere arrivata prima

Prima che l’alba dipingesse l’orizzonte

L’orizzonte infinito dei tuoi occhi

Occhi lontani ma colmi di parole

Parole piene di perché

Perché ci sei

Ci sei

Seguimi

Seguimi e saprai

Saprai amare e capire

Capire che le radici sono profonde

Profonde come le incertezze del domani

Domani camminerò e inseguirò un’ombra

Ombra che mi darà rifugio, come quel giorno.

Maela Bertazzo

Annunci

2 pensieri su “Ci sei

  1. poesia in forma, in forma di E o di maiuscolo sigma, obbedisce alle nuove regole (nuova retorica) in questo caso forma, in forma di schema (“maschera” in greco) dove la figura parla con il suo segno e ti fa entrare nel suo femminile (a fondo) e poi riesce e tu intanto sei sceso dentro e là in fondo ti dice “ci sei” – e anche tu ritorni al bordo della lettura e ti ritrovi alla parola prima e allora togli il punto finale e ricominci e vuoi ancora e ancora la discesa e l’altalena e la culla forse o anche solo il cavo della mano – ma non si serra no ti prende, non ha trappole o catture, con le sue maiuscole ordinate e le sillabe contate – dipende da te scombinare il gioco e completare forse con una rima speculare a triangolo, a punta, a cuneo che (ti) specchi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...