Donne e motori

big_test-automobile

Credo di essere nata sotto una stella quantomeno distratta.
Sono un tantino sfortunata. Ultimamente, molto sfortunata (notare: faccio il possibile per non cadere nella volgarità).
Appena aggiustata la macchina, ferita a morte da un tagliente coperchio di tombino rotolato chissà come in mezzo alla strada, vado a ritirarla dal meccanico.
Dopo quindici giorni di capriole per far quadrare orari e mezzi di fortuna, non mi pare vero. Faccio la retro nel parcheggio dell’autofficina. Ribadisco, macchina fresca fresca di chiave inglese e affini.
Urto un paletto, quei disgraziati paletti con catenelle bianchi e rossi: non potrebbero farli un pochino più alti così che si possa vederli in ogni condizione mentale? Striscio lungo con ammaccatura, il coso bianco e rosso piegato in due parti uguali. Rimborso al meccanico che si sfrega le mani ben bene “Ah, le donne, la mia fortuna!” e intanto incassa rapido.
Vado dal dentista, parcheggio in un posto a dir poco stretto e infingardo. Quello, solo quello – chissà mai perché – è l’unico disponibile a vista d’uomo. Sono consapevole che devo fare manovra con attenzione per non urtare la macchina di fianco e nel contempo per non cadere malamente dal marciapiede, di quelli alti, fuori misura, casualità. Che poi non ho mai capito chi sarà mai il brav’uomo che progetta cose così, per niente in sintonia con le auto dei comuni mortali. Mica tutti hanno il SUV alto davanti per guadare torrenti.
Metto la retro, piano piano, il cambio torna in prima, sempre con la massima cautela. Giù una ruota, poi l’altra, tento la discesa anche con le altre due. Credo di essere leggermente di traverso. CRAAAACCC!!!!!!!!!!
No.
Botta secca, è andata la coppa dell’olio.
Di nuovo.
Mi metterei a piangere.
Scendo.
Vorrei guardare sotto, ma la macchina è bassissima, non si vede un piffero. Dovrei sdraiarmi a mo’ di meccanico. Anoressico, però.
Che faccio?
Niente shopping, annullato il caffè con Rosy che mi aspetta al bar, niente di niente.
Il mondo all’improvviso mi sembra triste e vuoto, non vedo motivo di continuare a vivere. Torno a casa.
Mogia mogia, continuo a guardare lo specchio retrovisore, nell’attesa di vedere una scia scura che mi segue.
Non sembra. L’asfalto è chiaro, smunto e pieno di buche, ma senza strani rivoli lucidi.
La macchina ora è parcheggiata, sembra indenne, ma la verità potrebbe ancora uscire allo scoperto. Potrei trovarmi davanti agli occhi l’incubo oleoso fatto realtà, filtrato goccia a goccia in un’agonia lenta e snervante.
Mi passano davanti scene terrificanti di uomini che odiano le donne e se ne disfano con estrema facilità. Troppo presto per lasciare questo mondo, alla fine potrebbe andarmi bene anche così, imperfetto. Mi accontenterò.
Tentiamo l’impossibile.
Giro mail a tutte le amiche, anche solo di facciata, oggi vanno bene davvero tutte. Succo del discorso: pregate con me che non si sia rotta di nuovo.
Anche se siete miscredenti, fatelo per educazione, per scaramanzia…
Nessun Dio è sordo alle richieste di aiuto, specie di chi non prega quasi mai.
In fondo, deve concedere anche Lui un po’ di chance a tutti.
Se non si fa bello per le occasioni, quando?

Annunci

4 pensieri su “Donne e motori

  1. Ma tu lo sapevi che gli amici, anzi no, meglio i colleghi mi chiamano Cassandra?
    Di solito i miei poteri funzionano benissimo quando si tratta di prevedere il futuro – quindi la prossima volta guarda bene di interrogarmi prima di metterti alla guida – ma posso vedere di far qualcosa anche per il malocchio o eventuali disgrazie che ancora non t’hanno colpito.
    Non saranno preghiere, dunque, ma incantesimi …
    Funzioneranno?
    Regola numero uno: mai dubitare di Cassandra, altrimenti sfuma la magia!
    Regola numero due: anche l’ansia indebolisce i risultati quindi calma e sangue freddo.
    Regola numero tre: non hai visto niente, non hai sentito niente e soprattutto non dire niente!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...