Viaggio

Non voglio scrivere. Strano? No. Ogni tanto mi succede, e quando succede, mi rifugio in qualche libro. Leggo, viaggio, mi perdo. Lascio scrivere gli altri – più bravi di me – e sto bene.
Sto leggendo.

Tra una pagina ed un’altra, sono passata a trovare Julio. Julio è un compagno dell’ultimo corso di scrittura che ho potuto seguire solo on-line. Da non molto ho saputo che ha un blog.
Leggere l’ultimo suo post mi ha fatto riflettere.
Parla di Viaggio.

Viaggio itinerante, verso i luoghi, gli imprevisti, le persone. Le persone.
Io non viaggio molto, quando mi capita, mi soffermo su di loro e i loro occhi. E’ qualcosa di forte, che mi resta e che mi manca, spesso molto più di quei luoghi che sicuramente posso ritrovare in qualsiasi momento.

Viaggiare per me, è anche stare fermi. Non poter uscire, ma sapermi fuori.
È non dire niente e guardare dal finestrino.
Certo, viaggiare come fa Julio, è tutta un’altra cosa, ma a volte non si può fare.
Viaggiare è anche spostarsi di pochi chilometri, ma girare in macchina per ore.
È perdersi, ma ritrovarsi sempre con qualcosa in più.

Stasera non perdo solo una pizza, perdo un viaggio verso occhi nuovi.
Perdo il calore di una stretta mano, un sorriso, una voce.
Perdo i sogni che mi avrebbero raccontato.

Però, posso un saluto
a quegli occhi, compagni,
che nascosti tra le parole, ho letto
di viaggi bellissimi
che non mi perdo.

Ciao
Stefania

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...