M’ingarbuglio con la “p”

Panca cappotto

scippo scappo col malloppo

piedi piatti passi matti

m’impantano

non mi piego

parto porto prendo tempo

pane pasta pancia piena

pennichella

non mi pento strappo il patto

la paura non mi acchiappa

son pantera

non mi prendi con lo schioppo.

Perché piangi?

Sono Pietro

non mi piace questo posto

ho perduto il mio passato

son poeta del presente

ma perdio non ho più niente.

Eri piccola così

ti portavo sulle spalle

rincorrevo la tua palla

t’insegnavo le parole

mi chiamavi Il mio papà.

Ora prego ma per chi?

Troppo tardi troppo poco

porto un peso sulla groppa

che comincia con la p.

Maela Bertazzo

Annunci

2 pensieri su “M’ingarbuglio con la “p”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...