Nude e libere

di Stefania Zanotto

Chissà cosa le è scattato dentro. Di punto in bianco ha preso e se n’è andata nell’altra stanza. La sera dopo è salita in mansarda. Ci è rimasta un bel po’ – io ho avuto tutto il tempo di preparare la cena – poi è scesa e si è diretta in salotto trottando. Pensavo si fosse portata dietro una delle sue bamboline, o peggio una delle sue barbie.

Silenzio.
Non ci sono abituata, capito? Di solito è un continuo mamma qui mamma li, in sottofondo i cartoni animati o il rollio dei pattini sul pavimento (sì, coi pattini in linea per casa).
E invece, così di punto in bianco, silenzio.

È brava, non mi posso lamentare. Ma c’era questa cosa che mi tormentava. Era quasi un costringerla – un po’ obbligata per via dei compiti – e avevo paura che a insistere troppo avrei combinato un pasticcio.

Così lo facevo io per lei, ogni volta che ne avevo l’occasione, senza forzare troppo. Le piace ancora. Me lo chiede soprattutto prima di prendere sonno. Sono brava, forse perchè quando lo faccio per lei mi sento libera. Forse perché per lei sono bravissima comunque, forse semplicemente perché mi piace e vorrei fosse lo stesso per lei.

Vorrei fosse un momento piacevole. Così lo faccio senza spiegarle nulla. Leggo e siamo già dentro in una stanza senza essere passate dalla porta, senza bussare, senza chiedere permesso, e senza che nessuno possa dirci No.

Sono nata nuda e libera. Dopo mi hanno vestito, ma la libertà non me la toglie nessuno. L’ha sputato fuori così, anche lei di punto in bianco, mentre ascoltava i discorsi di mia zia con mia mamma. L’ha detto orgogliosa, con gli occhi vispi e il volume troppo alto. Si è fatta pure una grassa risata dopo. Forse perché ha visto la mia espressione, rimasta in bilico tra Che succede? e La solita gagliarda!

Mia cugina è così, non ci pensa troppo, dice quello che deve dire senza farsi problemi. Anche se secondo me un po’ ci pensa – guarda caso, che si tratti di una cosa bella o di una brutta, alla fine si ride sempre.

Nuda e libera. Sì mi sento così, di nuovo bambina quando le leggo una storia. E deve vedermi così, per desiderarlo anche lei. E allora leggo: corro rallento mi fermo riprendo corro ancora.
Nude e libere.
E felici.
E insieme.

Finché un giorno di punto in bianco ha preso e se n’è andata nell’altra stanza con tre libri in mano. Li ha letti tutti e tre, mi ha chiesto pure di abbassare la voce che la disturbavo. La sera dopo dalla mansarda è scesa con un libro che le avevo già letto tanto tempo fa. Stavolta era diverso. Lo leggeva da sola in salotto in silenzio.

Quasi inquietante. Così mi sono catapultata nel divano vicino a lei.
Che leggi? Ah, bello questo!
Shh! Mamma mi sconcentri! Non vedi che sto leggendo? Abbassa il volume.
La leggi anche a me?
No, dai mamma, prenditi il tuo libro e leggiti quello.

E allora leggiamo.
Nude e libere.
E felici.
E ognuna per conto suo.

Annunci

7 pensieri su “Nude e libere

  1. Non c’è libertà più vera di una lettura per sé stessi, entrando in un mondo nuovo da scoprire pagina dopo pagina ha la stessa funzione di fermare il tempo e viaggiare in altri mondi. Questo piccolo racconto contiene un significato eterno della vita e del rapporto da conseguire con il futuro generato.

    Liked by 2 people

  2. Di leggere, di starsene soli, nudi, seminudi o da qualche parte nascosti, non si chiede il permesso.
    Non si chiede il permesso neanche di nascere.
    Forse sono in un certo senso la stessa cosa…

    Mi piace

    • Forse, hai ragione.
      Come te non ho certezze.
      Già a dire nascosti per certi versi si nega la libertà.
      Ma cos’è la libertà?
      Non è assoluta.
      A volte si chiede il permesso per non violare la libertà di qualcun altro.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...