Spazio, tempo

Si immergevano, uno alla volta, ritmici, uguali, trasparenti. Sembravano fare a gara col ticchettio dell’orologio, ma in silenzio, appesantivano il tempo. Tic tac tic tac. Plof. Li sentiva infiniti, ma il livello scendeva, la finestra si scuriva. Tic tac tic tac. Plof. Interminabili secondi liquidi. Li guardava scivolare nel tubicino, calmi, costretti ad arrivare fino…