7. Notes 268

di Stefania Zanotto I Senza Distintivo in prima fila sorridono ai famigliari che sono con loro, quelli che prima hanno testimoniato. Li guardo: padri e figli, insieme, occhi commossi, e per qualche secondo riesco a dimenticare ciò che di loro è stato prima. Dovrei sentirmi colpevole? È difficile trovare l’equilibrio. Al leggio Enrico Sbriglia: Traspare…

6. Notes 268

di Stefania Zanotto È freddo, ho fame, e mi scappa la pipì. Dovrei alzarmi e andare sola fino ai bagni. Perderei una parte dei prossimi interventi. Rimango seduta. Vorremmo riuscire a ottenere sei ore in uno spazio giusto, senza controlli visivi e auditivi. Alessandro Zan C’è la difficoltà per chi fa le leggi di parlare…

5. Notes 268

di Stefania Zanotto Hanno sistemato dei lunghi tavoli alla nostra destra in direzione dei bagni. C’è un po’ di movimento. Al leggio lo psichiatra Diego De Leo. Lo leggo dalla presentazione proiettata sulla parete dietro di lui. Mica per altro. Inizia subito parlando di suicidio. De Leo spiega che è più diffuso nei paesi civilizzati,…

2. Notes 268

di Stefania Zanotto Ore 10 e sono dentro: Due Palazzi, palestra dei detenuti: “Per qualche metro e un po’ d’amore in più”. Prende parola il direttore responsabile di Ristretti Orizzonti: Ornella Favero. Il brusio diminuisce, il freddo persiste, gli agenti vigili e fermi alle porte. L’importante è che non esca nessuno. Durante la premessa sbircio…

1. Notes 268

di Stefania Zanotto Siamo in quattro. Arriviamo nei pressi del luogo stabilito con largo anticipo: sono le 8.10. La nostra guida ha insistito sul rigore e la puntualità dell’organizzazione: non possiamo permetterci ritardi. Individuiamo l’insegna: svoltiamo, e raggiungiamo il parcheggio. È solo per persone autorizzate. A un poliziotto, chiediamo se possiamo parcheggiare. Ci chiede che…